Settembre 26, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

La stazione spaziale cinese dà il benvenuto al suo primo equipaggio

Sullo sfondo delle tensioni con l’Occidente, il successo di questa missione è significativo per Pechino, che si prepara a celebrare il primo luglio il centenario del Partito Comunista Cinese (PCC).

Secondo le ultime stime, la navicella spaziale Shenzhou-12 a propulsione a razzo Long-March 2F dovrebbe decollare dalla base Juan nel deserto di Kobe (nord-ovest) giovedì.

Il suo scopo: attraccare con Diane (“Space Harmony”), l’unico blocco della stazione già nello spazio. Centro di controllo e casa per gli astronauti, che sono stati collocati in orbita terrestre bassa (350-390 km sul livello del mare) alla fine di aprile.

I tre astronauti rimarranno nello spazio per tre mesi, un periodo record per la Cina. I suoi predecessori alla fine del 2016, lo Shenzhou-11, sono durati solo 33 giorni.

“L’obiettivo degli astronauti è assicurarsi che la loro nuova casa sia inserita nello spazio”, afferma Jonathan McDowell, astronomo presso l’Harvard-Smithsonian Astronomical Center negli Stati Uniti.

“Lo scopo della missione è soprattutto pratico. Nel suo contenuto non sarà rivoluzionario”.

Tra tre mesi, gli astronauti non rimarranno inattivi: manutenzione, installazione di attrezzature, percorsi spaziali, preparazione per la costruzione imminente e riparo per i futuri equipaggi.

“In breve, un sacco di compiti intricati e complessi”, ha affermato Sen Lon, ricercatore di GoTaikonauts.com. Secondo lui, lo Shenzhou-12 presenta una squadra con “molte sfide” di cui hanno bisogno per “conoscersi molto rapidamente con nuove attrezzature”.

“Questa è una nuova stazione, quindi c’è il rischio di un grave guasto del sistema, ma penso che andrà bene”, ha detto McDowell.

niente donne

Prende il nome dall’inglese CSS (“Stazione spaziale cinese”) e dal cinese Tiankong (“Palazzo celeste”), la stazione, una volta completata, sarà simile all’ex stazione sovietica Mir (1986-2001). La sua durata è di almeno 10 anni.

READ  L'avventura di The Witcher 3 non è finita: si avvicina un DLC per commemorare la serie Netflix

La missione Shenzhou-12 è il terzo lancio di 11, che sarà necessario per costruire la stazione tra il 2021 e il 2022. È previsto il viaggio di un totale di quattro persone.

Oltre all’esistente Tianhe, i restanti due moduli (che saranno laboratori) dovrebbero essere inviati nello spazio il prossimo anno.

Questi consentono di condurre esperimenti in biotecnologia, medicina, astronomia o tecnologia spaziale.

Se un tempo ci si aspettava che Wang Yaping, il secondo cinese nello spazio, facesse parte dello Shenzhou-12, sarebbero tre persone e alla fine formerebbero un equipaggio – non ancora noto.

Tuttavia, Yang Liwe, il primo uomo cinese nello spazio nel 2003 e ora l’uomo anziano responsabile del programma spaziale umano, ha affermato che le donne avrebbero preso parte alle seguenti missioni.

“Partita sino-americana”

Se gli astronauti non cinesi, soprattutto europei, riusciranno a restare un giorno sulla CSS, è meno probabile che vi vedano un americano: una legge statunitense vieta ogni contatto con la Nasa e la Cina.

“Coloro che hanno pianificato la ISS (sotto il comando degli Stati Uniti) e la CSS (Cina) non hanno pianificato questa partita sino-americana, il che è quasi vero oggi”, osserva Chen Lan.

“Ma non è una cosa negativa. Una concorrenza leale e sana è un bene per entrambe le nazioni e per l’umanità”.

La compagnia asiatica investe miliardi di euro da decenni per catturare molte potenze spaziali.

Dopo gli Stati Uniti, la Cina è diventata il secondo paese al mondo a sviluppare un piccolo robot su Marte a maggio, il battezzato “Jurong”.

Il rover ha già inviato diverse immagini del pianeta rosso, inclusa la straordinaria “Selby” della scorsa settimana.

READ  Apple Music profuma di musica classica: acquisita Primphonic e arriva una nuova app esclusiva

Tra gli altri successi, la Cina ha fatto atterrare una macchina lontana dalla luna all’inizio del 2019, la prima al mondo.

L’anno scorso, ha riportato in vita i modelli lunari e ha finalizzato il suo sistema di navigazione satellitare (un rivale del GPS statunitense) Pedo.

Guardando al futuro, Pechino prevede di inviare umani sulla luna (intorno al 2030) per costruire una base con la Russia.