Dicembre 5, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Le app Android su Windows 11 si stanno avvicinando, ha rivelato Redmi Note 11 Pro, che è una recensione ‘

Le schermate sollevano il velo sulle applicazioni Android in arrivo su PC con Windows 11, la generazione di Xiaomi Redmi Note 11, sappiamo dei siti pornografici che sono a rischio di fronte ai nuovi requisiti CSA, che è il ripristino del giorno.

Windows 11: rilasciate le app per PC Android

Windows 11 è finalmente disponibile sui PC compatibili e una delle grandi novità del sistema operativo è la possibilità di lanciare applicazioni Android su PC. La distribuzione di questa funzionalità è in corso, ma i nostri colleghi di Windows Latest hanno già condiviso schermate che mostrano l’interfaccia di diverse applicazioni. Troveremo applicazioni come WeChat o Bilibili. Microsoft si impegna a portare i processori Android su Windows 11 dal 2022.

Fare un passo: Windows 11: prima occhiata ai processori Android su PC qui

Lo Xiaomi Redmi Note 11 Pro dovrebbe offrire un innegabile rapporto qualità-prezzo

“Arsenal” Liquor ha svelato le caratteristiche degli smartphone di prossima generazione di Xiaomi, il Redmi Note 11, che in particolare promette di essere migliore dei suoi predecessori. Ora dotato di processori MediaTek, Redmi Note 11 Pro è alimentato da Pro Dimension 920 ed è compatibile con la ricarica del cavo da 67 W. L’ammiraglia è dotata di una fotocamera principale da 50 MP e di altoparlanti stereo sul retro. Azienda JBL. Leaker ha annunciato che la versione standard per la versione da 6 GB di RAM e 128 GB di archiviazione sarebbe stata lanciata a circa யூ 160 e che il Redmi Note 11 Pro costerebbe 5 215 per ottenere con 6 GB di RAM. Memoria da 128 GB.

READ  L'abbonamento a 99 centesimi può vedere la luce del giorno

Fare un passo: Redmi Note 11 Pro: Xiaomi abbasserà ancora una volta i prezzi con il vero killer

I siti porno sono minacciati da nuove normative

Il nuovo ordine del governo ora autorizza il CSA a chiudere i siti che non verificano accuratamente l’età degli utenti di Internet. L’editore di TUKif ha parlato su RTL ed ha espresso la sua frustrazione per il fatto che questi nuovi obblighi non possano essere raggiunti. Secondo lui, nessun dispositivo è stato ancora installato per aiutare a migliorare la sicurezza dei siti e nessuna delle soluzioni consigliate da CSA è possibile perché costerà più soldi e distruggerà i siti in pochissimo tempo. La maestra vuole litigare e finisce annunciando Certo non chiuderemo. Faremo il necessario perché non posso considerare la chiusura.

Fare un passo: Pornhub, Xvideos, TuKif: i siti porno si rifiutano di rispettare la legge, ecco perché