Gennaio 30, 2023

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

L'economia russa trema dopo che Stati Uniti ed Europa hanno imposto sanzioni

L’economia russa trema dopo che Stati Uniti ed Europa hanno imposto sanzioni

Durante la notte, i leader europei hanno imposto nuove misure che hanno effettivamente privato la Russia delle sue riserve finanziarie. Il Tesoro degli Stati Uniti ha seguito l’esempio con passi simili lunedì mattina. Con il nuovo sistema, a tutte le persone negli Stati Uniti e nell’Unione Europea è vietato fare affari con la Banca Centrale Russa. Le sanzioni si applicano anche al ministero delle Finanze russo e al suo fondo sovrano, per impedire al Cremlino di utilizzare scappatoie per continuare ad accedere alle riserve.

Le restrizioni equivalgono a soffocare la Russia dal sistema finanziario internazionale, privando il Paese di risorse potenzialmente necessarie per stabilizzare la sua economia. Secondo gli esperti di sanzioni, un passo del genere non è mai stato compiuto contro un Paese con armi nucleari o un Paese con un esercito forte come la Russia.

Il Dipartimento del Tesoro ha inoltre annunciato, lunedì mattina, l’imposizione di sanzioni a soggetti legati al Russian Sovereign Wealth Fund, inclusa la sua società di gestione e una delle affiliate del Sovereign Wealth Fund. Ha anche punito il leader di quella società di gestione.

“L’azione senza precedenti che stiamo intraprendendo oggi limiterà in modo significativo la capacità della Russia di utilizzare le risorse per finanziare le sue attività destabilizzanti e puntare sul denaro [Russian President Vladimir] Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha dichiarato in una dichiarazione che Putin e la sua cerchia ristretta contavano su di lui per poter invadere l’Ucraina. “Oggi, in coordinamento con partner e alleati, perseguiamo impegni chiave per limitare l’accesso della Russia a queste preziose risorse”.

Due alti funzionari dell’amministrazione, che hanno parlato in condizione di anonimato per descrivere l’annuncio della Casa Bianca, hanno affermato lunedì che il congelamento è effettivo immediatamente e ha lo scopo di evitare segnali che la Russia mira a ritirare le sue riserve internazionali da tutto il mondo.

READ  Il generale degli Stati Uniti afferma che fino a 4.000 soldati russi probabilmente uccisi in Ucraina

Le sanzioni riflettono lo straordinario sfogo di sostegno all’Ucraina in Occidente, ma rischiano anche un’ulteriore escalation delle ostilità con Mosca. Putin ha risposto alle dichiarazioni occidentali degli ultimi giorni mettendo in allerta le forze nucleari del Paese, anche se lunedì funzionari ucraini e russi hanno pianificato di tenere i loro primi colloqui diplomatici dall’inizio dell’invasione. L’Unione Europea ha anche annunciato che chiuderà lo spazio aereo agli aerei russi e sosterrà l’acquisto di armi da parte dell’Ucraina.

Le nuove restrizioni bancarie sono probabilmente la forma più seria di ritorsione economica mai accettata dalle potenze occidentali in risposta all’attacco della Russia all’Ucraina. Mira a impedire a Putin di utilizzare le sue enormi riserve finanziarie – per un totale di oltre 600 miliardi di dollari – per stabilizzare l’economia russa di fronte alle sanzioni e ad altre misure economiche imposte dall’Occidente.

Secondo i dati commerciali di Bloomberg, il rublo si è già deprezzato di quasi il 30% tra venerdì e lunedì prima di ridurre alcune delle sue perdite.

Al 30 giugno dello scorso anno, il 32% delle riserve valutarie della Russia erano in euro e il 16% in dollari USA, secondo Banca centrale. Circa il 7% in sterline britanniche, il 13% in renminbi cinese e il 22% in oro monetario. Il resto è stato detenuto in altre valute.

Gli Stati Uniti hanno affermato che stavano emettendo contemporaneamente un’esenzione che consente “certe transazioni legate all’energia” con la banca centrale russa, poiché l’Occidente ha cercato di mantenere il flusso delle esportazioni di energia russe per sostenere l’economia europea e mantenere i prezzi del gas.

“In un colpo solo, gli Stati Uniti e l’Europa hanno reso inutilizzabile lo scrigno di guerra di Putin… Che gli Stati Uniti e l’Europa lo facciano in modo unificato invia un messaggio cristallino che la Russia dovrà affrontare costi drammatici finché la guerra di aggressione di Putin continuerà “, ha affermato Edward Fishman, responsabile delle sanzioni. L’ex ministero degli Esteri russo ed europeo. “Questa azione rappresenta un cambiamento fondamentale nella strategia statunitense ed europea. Solo 72 ore fa, una mossa come questa era fuori questione”.

Gli Stati Uniti hanno già annunciato sanzioni contro quasi l’80% del patrimonio totale del settore bancario russo. Le sue mosse includono l’esclusione della più grande banca russa dal sistema finanziario statunitense, nonché il taglio di molti input tecnologici necessari a parti dell’industria russa. Le sanzioni statunitensi hanno preso di mira anche i membri della cerchia ristretta di Putin e altri leader economici in Russia.

L’effetto è stato drammatico. Borse russe Subì uno dei peggiori tuffi della storiaSecondo Bloomberg. L’agenzia di rating del credito Standard & Poor’s ha anche declassato il rating del debito russo allo status di spazzatura poco dopo l’emissione delle misure statunitensi. Sono emerse notizie di russi che affollano gli sportelli automatici per effettuare prelievi di contanti di emergenza. La Banca di Russia ha annunciato, lunedì mattina, che non aprirà la sua borsa a fronte di pressioni senza precedenti.

Le riserve bancarie di Putin avevano lo scopo di mitigare l’impatto di un simile colpo. “I passi annunciati mineranno la capacità della Russia di sostenere il rublo”, ha affermato Richard Nephew, ricercatore senior presso la Columbia University. I russi non saranno in grado di difendere facilmente la valuta e il suo valore diminuirà.

READ  Covid News: la Cina registra il primo decesso per Corona virus in più di un anno

Alcuni critici si sono chiesti come avrebbe reagito Putin all’attacco all’economia russa. Mark Weisbrot, un economista liberale e direttore del Center for Economic and Policy Research, ha affermato che le sanzioni contro le riserve potrebbero portare a un “crollo economico”.

“L’amministrazione Biden deve ridurre questo conflitto e passare a una soluzione diplomatica prima che sia troppo tardi”, ha affermato Weisbrot. Zelensky vuole negoziare senza precondizioni. Washington dovrebbe fare lo stesso”.

Ma alti funzionari dell’amministrazione hanno difeso la loro strategia come risposta necessaria all’aggressione di Putin. Hanno anche detto che stanno guardando da vicino Possibile sostegno dalla Bielorussia per lo sforzo bellico, che potrebbe comportare l’imposizione di restrizioni economiche separate a quel paese.

Adam Smith, partner di Gibson Dunn ed ex funzionario responsabile delle sanzioni dell’amministrazione Obama, ha affermato che l’attacco alla Banca centrale russa riflette la velocità con cui si stanno muovendo gli eventi nell’Europa orientale. Smith ha sottolineato che tali mosse sono solitamente fuori discussione perché le banche centrali svolgono un ruolo così critico nell’economia di un paese, osservando che perseguirle ha “effetti collaterali gravi e forse sconosciuti”. In questo caso, Smith ha affermato che le sanzioni renderebbero probabilmente più difficile per l’Europa acquistare petrolio e gas, danneggiando anche economicamente il russo medio.

“Storicamente, è stato visto come quasi esagerato, la cosa da fare quando le sanzioni e la diplomazia sembrano essere state esaurite”, ha detto Smith. “Il fatto che la comunità internazionale sia disposta ad andare così lontano e a sopportare le conseguenze di ciò… indica fino a che punto questa crisi è arrivata solo nella sua prima settimana”.