Settembre 28, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

L’inevitabile ascesa dello Xiaomi cinese, nuovo leader di smartphone in Francia…

Da un lato, Huawei è stata eliminata dai primi 5 produttori di smartphone nel 2021 a seguito delle restrizioni statunitensi. Xiaomi, invece, vince il numero 2 al mondo a tempo di record. risolutamente, Il mercato degli smartphone non è come gli altri…

La velocità con cui un leader cinese ne trasforma un altro è sorprendente. A tempo di record, il marchio Xiaomi ha raggiunto il numero due tra i produttori di smartphone al mondo e il numero uno in Francia. Approfittando del declino altrettanto rapido di Huawei, l’ex leader cinese è stato paralizzato per due anni dalle sanzioni statunitensi, bloccando in particolare l’accesso ad Android e al produttore di processori TSMC.

Le Hawaii perdono velocità ma sono flessibili

Avendo perso le fonti di approvvigionamento per le parti, Hawaii non è più in grado di pubblicare prodotti ed è bloccata da tutte le parti nelle sue innovazioni. Ovviamente l’azienda cinese sta investendo nella promozione del proprio sistema operativo per cellulari (HarmonyOS) E le fabbriche di processori cinesi, ma tutto questo richiede molto tempo e costa un sacco di soldi.

L’azienda soffre, ma rimane una grande azienda a causa della diversità delle sue operazioni e della sua cattura nel mercato asiatico. La scorsa settimana ha annunciato vendite per 49,56 miliardi di dollari nella prima metà del 2021, in aumento rispetto allo scorso anno (70 miliardi di dollari). Ma il suo profitto, d’altra parte, è aumentato dello 0,6% (vicino a 4,8 miliardi di dollari), eppure dimostra il suo sorprendente potenziale per la gestione della crisi e della recessione..

Tuttavia, il CEO di Huawei, Eric Sue, ha spiegato: “Gli obiettivi del marchio per i prossimi 5 anni”. Sopravvivi e fallo in modo ecologicamente responsabile (sostenibile) .

Xiaomi, l’inevitabile e l’ascesa meteorica…

Ciò che sorprende di questa discesa di Huawei è che non avvantaggia davvero i due leader storici del mercato mobile – Apple e Samsung – ma un altro player cinese: Xiaomi. Altri due giocatori cinesi stanno beneficiando della caduta di Huawei: Vivo e Oppo, che oggi dominano la top 5 mondiale.

READ  Windows 11: perché il tuo PC non è compatibile?

Xiaomi produce modelli di fascia alta per dimostrare la sua abilità tecnica, ma concentra i suoi sforzi sul mercato dei modelli sotto i 400 euro, che rappresenta il 60% del mercato in Francia. La strategia è quella di offrire il maggior numero possibile di modelli a rapporti qualità/prezzo aggressivi in ​​questo campo al fine di acquisire base clienti con la successiva opzione per creare l’idea (TV, ecc.) e registrarsi su smartphone nel business dell’aggiornamento. Nell’universo Android, dobbiamo vedere se c’è una connessione con i marchi Apple è nel caso. Quando giocatori come Vivo e Oppo mordono la quota di mercato, le previsioni sono difficili da fare.

L’attuale strategia di Xiaomi paga, ma le Hawaii ci ricordano prima dell’azione degli Stati Uniti. Una strategia che produce gli stessi effetti: in 5 anni questo marchio è entrato nei primi 3 posti dei produttori di telefonia mobile. Si spera che questo non porti alle stesse conseguenze in termini di sanzioni e misure di sicurezza tra gli americani. Il cambiamento nel governo degli Stati Uniti non è cambiato molto per le politiche sottoposte a embargo e le relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Tuttavia, secondo Canalys, Xiaomi venderà quasi 53 milioni di unità (80% di crescita) nel secondo trimestre del 2021, diventando così il secondo produttore mondiale (17% di quota di mercato) con il leader Samsung Cable (58) milioni di unità vendute o quota di mercato del 18%). Questo marchio è significativamente più avanti di Apple (46 milioni di unità vendute, quota di mercato del 14%) La società guidata da Tim Cook ha annunciato trimestri record dall’uscita dell’iPhone 12. Se la crescita di Siomi continua così, il marchio è già il numero uno in Francia: entro la fine di quest’anno sarà tra i primi 5 a livello internazionale. Per fare ciò, deve introdurre nuovi modelli nel terzo trimestre e contrastare la spinta di Apple con la crisi della catena di approvvigionamento.

READ  2021, Odissea della bolla nello spazio

Questo perché il mercato degli smartphone, che è stato potenziato dalla crisi epidemica, ha dovuto affrontare una grave carenza di mercato dei semiconduttori, così come il mercato dei PC. ” In alcune regioni, l’inventario dei canali di distribuzione degli smartphone è pericolosamente basso, »Spiega Ben Stanton, direttore della ricerca di Canalis. ” I grandi marchi stanno già sfruttando maggiormente la loro gamma limitata di prodotti utilizzando le preferenze regionali e di canale. Di conseguenza, sono sorti gravi conflitti interni quando le autorità regionali cercano di ottenere pagamenti. Inoltre, molti fornitori ora incoraggiano le vendite per una regione e le impediscono di estendere le merci oltre i suoi obiettivi.. Tuttavia, si prevede che il mercato esploderà di nuovo nel 2022 con l’allentamento delle barriere all’offerta. Una guerra è già iniziata, con i marchi che pagano somme importanti per commercializzare capolavori sui mercati internazionali. Vivo e Oppo sono in prima linea nell’acquistare sponsorizzazioni redditizie con la Premier League indiana, la Coppa del Mondo, Wimbledon e l’FC Barcelona..