Luglio 1, 2022

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Lo studio conclude che le affermazioni sul clima delle compagnie petrolifere sono processi di lavaggio rispettosi dell'ambiente - EURACTIV.com

Lo studio conclude che le affermazioni sul clima delle compagnie petrolifere sono processi di lavaggio rispettosi dell’ambiente – EURACTIV.com

accuse lavaggio verde Contro le principali compagnie petrolifere che affermano di passare all’energia pulita, ci sono solide basi, secondo lo studio più completo fino ad oggi. Rapporto sui media partner di EURACTIV, The Guardian.

La ricerca, pubblicata su una rivista scientifica peer-reviewed, ha esaminato i record di ExxonMobil, Chevron, Shell e BPche insieme sono stati responsabili di oltre il 10% delle emissioni globali di carbonio dal 1965. I ricercatori hanno analizzato i dati nei 12 anni fino al 2020 e hanno concluso che le affermazioni dell’azienda non sono in linea con le loro azioni, che includono l’aumento anziché la diminuzione dell’esplorazione.

Lo studio ha riscontrato un forte aumento dei riferimenti a “clima”, “basse emissioni di carbonio” e “transizione” nei rapporti annuali degli ultimi anni, in particolare per Shell e BP, e un aumento degli impegni ad agire sulle strategie. Ma le azioni concrete sono state scarse e i ricercatori hanno affermato: “L’analisi finanziaria rivela una continua dipendenza dal modello di business Combustibili fossili Insieme a una spesa esigua e ambigua per l’energia pulita”.

Diversi studi precedenti hanno già dimostrato che esistono Più riserve di petrolio e gas e Più produzione pianificata che può essere bruciato mantenendo la temperatura al di sotto dell’obiettivo di temperatura concordato a livello internazionale di 1,5°C. Nel maggio 2021, l’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) ha affermato che potrebbe esserci Nessun nuovo sviluppo di combustibili fossili Se il mondo raggiungerà lo zero netto entro il 2050.

Il “doppio discorso” di Big Oil rivela il clima nel nuovo rapporto

Secondo una nuova analisi pubblicata venerdì (22 marzo), le cinque maggiori compagnie petrolifere e del gas quotate al mondo hanno speso oltre 1 miliardo di dollari per promuovere le proprie credenziali climatiche da quando è stato firmato l’accordo di Parigi, mentre premevano per proteggere ed espandere le operazioni di combustibili fossili.

READ  Ripple sta guadagnando vantaggio rispetto a SEC? Nuove prove potrebbero essere a favore di XRP

Compagnie petrolifere sotto Aumento della pressione da parte degli investitori per allineare le proprie azioni agli obiettivi climatici. Ma i loro piani hanno incontrato dubbi, spingendo i ricercatori a condurre la nuova ricerca, che hanno affermato essere obiettiva e completa.

“Fino a quando non ci saranno progressi molto tangibili, abbiamo tutte le ragioni per essere molto scettici riguardo alle affermazioni che ci stiamo muovendo nella direzione verde”, ha affermato il professor Gregory Trencher, dell’Università di Kyoto, in Giappone, che ha lavorato con Mei Lee e Josen Asuka al Tohoku Università.

“Se si stanno allontanando dai combustibili fossili, ci aspetteremmo di vedere, ad esempio, una diminuzione dell’attività di esplorazione, della produzione di combustibili fossili, delle vendite e dei profitti dai combustibili fossili”, ha affermato. “Ma semmai, troviamo prove del contrario.”

“Le ultime promesse sembrano molto belle e entusiasmano molte persone, ma dobbiamo inserirle nel contesto della storia aziendale dell’azienda”, ha affermato Trencher. “È come uno studente molto cattivo che dice all’insegnante ‘Prometto che farò tutti i compiti la prossima settimana’, ma lo studente non ha mai lavorato sodo”.

Il nuovo studio Pubblicato sulla rivista PLOS Onehanno rilevato che i riferimenti alle parole chiave relative al clima nelle relazioni annuali sono aumentati notevolmente dal 2009 al 2020. Ad esempio, l’uso da parte di BP del “cambiamento climatico” è passato da 22 a 326 segnali.

Ma in termini di strategia e azioni, i ricercatori hanno scoperto che “le aziende si stanno impegnando a passare all’energia pulita e stabilendo obiettivi piuttosto che azioni concrete”.

I ricercatori hanno affermato che Chevron ed ExxonMobil erano “arretrati” rispetto a Shell e BP, ma anche le azioni delle principali società europee sembravano andare contro le loro promesse. Ad esempio, BP e Shell si sono impegnate a ridurre gli investimenti in progetti di estrazione di combustibili fossili, ma negli ultimi anni entrambi hanno aumentato la loro superficie per nuove esplorazioni, hanno affermato i ricercatori.

READ  Johnson & Johnson difende la strategia fallimentare del talco che i pubblici ministeri del cancro chiamano "corrotta"

Inoltre, l’analisi ha rilevato che Shell, BP e Chevron hanno aumentato i volumi di produzione di combustibili fossili durante il periodo di studio. Nessuna delle società ha pubblicato direttamente i dati sui propri investimenti nell’energia pulita, ma le informazioni fornite al Carbon Disclosure Project suggeriscono che i livelli medi scendono dallo 0,2% di ExxonMobil al 2,3% di BP della spesa in conto capitale annuale (capex). Lo indica un’analisi separata dell’Agenzia internazionale per l’energia L’investimento in energia pulita da parte delle compagnie petrolifere e del gas circa l’1% spese in conto capitale nel 2020.

“Fino a quando le azioni e il comportamento di investimento non si allineano con la retorica, le accuse di diventare verdi appaiono fondate”, hanno affermato i ricercatori.

Un portavoce di ExxonMobil ha dichiarato: “La transizione verso un futuro a basse emissioni richiede molteplici soluzioni che possono essere implementate su larga scala. Abbiamo in programma di svolgere un ruolo di primo piano nella transizione energetica, pur mantenendo la flessibilità degli investimenti in una serie di opportunità in evoluzione, inclusa ad esempio la cattura del carbonio , idrogeno e biocarburanti per massimizzare i rendimenti per gli azionisti.

Un portavoce della Chevron ha dichiarato: “Ci concentriamo sulla riduzione dell’intensità di carbonio delle nostre operazioni e cerchiamo di far crescere il business a basse emissioni di carbonio insieme alle nostre linee di business tradizionali. Stiamo pianificando un investimento di 10 miliardi di dollari in meno entro il 2028”.

Un portavoce di Shell ha dichiarato: “L’obiettivo di Shell è quello di essere un’azienda energetica a emissioni zero entro il 2050, in linea con la società. La nostra intensità a breve, medio e lungo termine e i nostri obiettivi assoluti sono in linea con l’obiettivo più ambizioso di 1,5°C dell’accordo di Parigi Siamo stati anche la prima azienda energetica a presentare la sua strategia che Power Transition è data agli azionisti per votare, garantendo un forte appoggio”.

READ  Tesla, Sweet Green, Gap e altro ancora

Un portavoce di BP ha dichiarato: “Nel 2020, BP ha delineato la nostra nuova ambizione, obiettivi e strategia a somma zero e nel 2021 abbiamo completato la più grande trasformazione aziendale nella nostra storia per raggiungere questi obiettivi. Poiché questo documento ripercorre storicamente il periodo 2009 -2020, non crediamo che ci vorrà Questi sviluppi e i nostri progressi sono pienamente presi in considerazione”.

Trencher ha respinto l’accusa che l’analisi fosse obsoleta: “Abbiamo incluso documenti che sono stati pubblicati nel 2021, quindi il cosiddetto gap di dati ha solo sei mesi e non troviamo prove di nuove misure che cambierebbero nessuno dei nostri risultati “.

“Purtroppo, il modo in cui i mercati energetici sono regolati in tutto il mondo, i combustibili fossili hanno ancora molto a che fare con questo [regulatory and tax] I vantaggi e le fonti di energia rinnovabile sono ancora privati”, ha affermato.

Questo articolo era Pubblicato per la prima volta nell’ambiente di The Guardian Viene qui riprodotto per gentile concessione.