Settembre 28, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Nuovo ritardo per il volo della capsula spaziale Boeing Starliner

Foto che mostra John Grant, Starliner Space Cape di Boeing, 28 luglio 2021, ottenuta dalla NASA

La capsula spaziale Fighting Starliner di Boeing dovrà affrontare ulteriori ritardi giovedì dopo che la società ha dichiarato che stava lavorando per risolvere i problemi con le valvole di ossidazione nel sistema di propulsione.

L’ultimo lancio della navicella verso la Stazione Spaziale Internazionale, previsto per il 4 agosto, è stato annullato a causa di problemi al sistema di propulsione, e non è ancora chiaro quando sarà programmato il prossimo volo di prova.

John Wolmer, vicepresidente e direttore generale del programma Starliner, ha dichiarato: “Negli ultimi due giorni, il nostro team ha impiegato del tempo per accedere e testare in sicurezza le valvole interessate senza essere comandato dalla finestra di avvio rapido.

La nuova data di lancio sarà annunciata una volta che la navicella sarà pronta, ha affermato la società in una nota.

L’incidente è l’ultimo per Boeing da quando ha firmato un accordo con la NASA per portare gli astronauti in orbita terrestre bassa.

Dopo aver completato il proprio programma di navetta spaziale nel 2011, la NASA ha acquisito i servizi Boeing e SpaceX, eliminando così la necessità per i razzi russi di raggiungere la ISS.

Prima che Boeing possa trasportare con successo gli astronauti, è importante che l’ISS completi con successo il volo del drone.

SpaceX ha già effettuato tre missioni con equipaggio, portando a bordo della sua navicella Crew Dragon meno di una dozzina di astronauti, tra cui il francese Thomas Pesket.

Da parte sua, Boeing è in ritardo. A dicembre 2019, durante il primo volo di prova, un problema software ha causato un problema ai propulsori.

READ  21:18 - Il diligente rover della NASA inizia a raccogliere campioni di roccia su Marte

Lo Starliner non aveva abbastanza carburante per raggiungere la ISS e dovette tornare sulla Terra in anticipo. Successivamente, un’indagine ha rivelato che la capsula ha subito un grave disturbo aereo non appena è entrata nell’atmosfera.

La NASA ha descritto la missione come una “chiamata ravvicinata ad alta visibilità”, un nome raro assegnato a un aereo in avvicinamento al disastro.