OneDrive e Xbox Musica ora insieme

Finalmente OneDrive anche per la Musica: basterà caricare gli mp3 nell’apposita cartella per ritrovarli su tutti i dispositivi Microsoft.

Il servizio è per tutti, anche per chi non è abbonato a Xbox Music Pass, e permette di sincronizzare la musica e ascoltarla in streaming (o in locale) sui dispositivi Windows 8.1, Windows Phone 8.1 e Xbox.

Per iOS e Android invece nulla di fatto: l’applicazione Xbox Music rimarrà con l’unica funzionalità di riprodurre solo la musica associata all’account Xbox Music Pass (finalmente un’esclusiva!).

Il limite è quello di 50mila brani (e non vi basta?).

Per attivare la funzione andate sul sito ufficiale e seguite le indicazioni.

Ed Xbox Music Pass quindi?

Il servizio Xbox Music Pass permette di ascoltare e scaricare musica dallo Store di Microsoft, di ascoltare playlist radio create in base ai nostri gusti, di avere migliaia di brani (molti più di 50mila e senza occupare spazio su OneDrive) nella propria raccolta, in modo legale. Quindi sì, vale ancora la pena abbonarsi se avete davvero la passione per la musica. Inoltre vi danno 100GB in più su OneDrive.

Però non sempre ascoltiamo musica “famosa” o presente nei server di Redmond, quindi riascoltare i brani della mia vecchia band in questo modo da un valore in più a OneDrive e alle applicazioni Xbox Musica presenti sui miei dispositivi!

Ora posso abbandonare Google Play Music!

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Mariano Mercuri
Chiedere ragione, è la prima cosa che l'apprendista filosofo dovrebbe apprendere a fare. Là dove nessuno chiede ragione, come può la filosofia anche solo cominciare? La domanda "perché?" ci fa scoprire l'intreccio di etica e logica, su cui i filosofi si interrogano, da Platone a Husserl. Se l'etica è la logica dell'agire giusto, la logica è l'etica del pensare [Roberta De Monticelli]