Luglio 3, 2022

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Per il futuro, la NASA fornirà banche nelle stazioni spaziali private

La NASA ha annunciato giovedì di aver firmato accordi con tre società per costruire stazioni spaziali private un passo avanti verso la commercializzazione dello spazio, in previsione del futuro ritiro della Stazione Spaziale Internazionale.

Tempo di studio: 2 minuti

Blue Origin, Nanorax e Northrop Krumman verranno offerti rispettivamente $ 130, $ 160 e $ 125,6 milioni.

Axiom Space aveva già vinto un contratto simile da 140 milioni di dollari l’anno scorso.

“Stiamo collaborando con aziende statunitensi per creare uno spazio in cui le persone possano visitare, vivere e lavorare”, ha dichiarato il presidente della NASA Bill Nelson in una nota.

La NASA sta incoraggiando fortemente la privatizzazione dell’orbita bassa per risparmiare denaro e concentrarsi su missioni di esplorazione a lunga distanza sulla Luna e su Marte.

Il futuro della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) è stato ufficialmente confermato entro il 2024 e la NASA ha confermato che sarà tecnicamente operativa entro il 2028. Bill Nelson si è espresso a favore della sua estensione fino al 2030.

L’obiettivo è porre fine all’attuale cooperazione internazionale con l’ISS, in particolare con la Russia, e responsabilizzare le stazioni private.

Bill McAllister, direttore dell’aviazione commerciale della NASA, ha dichiarato in una conferenza stampa che gli accordi “aiuteranno gli Stati Uniti a continuare a garantire la presenza umana in orbita bassa”. “Un buco (in questa presenza) può danneggiare.”

L’agenzia spaziale americana vuole ottenere i servizi di compagnie private per le sue esigenze, piuttosto che finanziare i costi operativi di una stazione in futuro.

Stima che potrebbe mandare in orbita continuamente due astronauti ed eseguire 200 test all’anno.

La stazione Blue Origin creata dalla Sierra Space si chiama Orbital Reef. Può ospitare fino a 10 persone e servire una varietà di attori: turisti, imprese o attori pubblici.

Nanorax, noto anche come Starlop, punta al lancio nel 2027.

Northrop Krumman lavora ancora con lo stesso nome, ma progetta anche aree per la scienza o il turismo.

Lo schema di Axiom è leggermente diverso: un modulo deve essere collegato alla ISS, prima che la stazione possa diventare indipendente.

READ  La nuovissima "lama" Tesla prende fuoco con il guidatore al volante