Dicembre 5, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Record di 35 nuove onde gravitazionali!

Le onde gravitazionali sono il segno lasciato nello spazio-tempo degli eventi cosmici estremi. Gli astronomi hanno ora aggiunto 35 scoperte di nuove onde gravitazionali ai loro 90 conteggi stimati. I segreti di oggetti strani e attraenti come i buchi neri e le stelle nei neutroni possono finalmente essere svelati.

Interessa anche tu


[EN VIDÉO] Onde gravitazionali: rilevarle è spiegato in un minuto
Ecco, le onde gravitazionali sono state rilevate. Queste fluttuazioni nello spazio-tempo derivano dalla fusione di due buchi neri che sono circa 30 volte più grandi del nostro Sole. Scopri in questo video come gli scienziati di Lyco sono stati in grado di effettuare queste prime misurazioni.

Buchi neri o Le stelle di neutroni si scontrano, Il cui impatto è come un tremito nello spazio-tempo. È come lanciare un grosso sassolino in una pozzanghera. Si forma un’onda. Un’onda gravitazionale. Un evento è stato scoperto per la prima volta cinque anni fa. Oggi un team riferisce di aver notato almeno 35 di questi messaggi Onde gravitazionali. Il record porta il numero totale di ritrovamenti a 90!

Il astronomi di Oscar (Eccellente centro ARC per il rilevamento delle onde gravitazionaliRiferito che le scene si sono svolte tra novembre 2019 e 2019 martedì 2020. Di queste onde gravitazionali, alcune sono isolate. GW191219_163120, ad esempio, a seguito di un conflitto tra Buco nero E una delle poche stelle di neutroni massicce mai scoperte. Si riferisce a GW191204_171526 Fusione Due buchi neri, uno dei quali ruota verticalmente. GW191129_134029, dal canto suo, nasce dalla giunzione di due buchi neri. Messa Non più di 18 volte il totale ?. GW200220_061928 è stato creato da buchi neri 145 volte più pesanti della nostra stella.

READ  Benvenuti nella terza mappa chiamata Hollow Infinite Bazaar!

In totale, i ricercatori hanno contato 32 Onde gravitazionali Il buco nero è stato creato dalle collisioni e sia dalle collisioni tra il buco nero e la stella di neutroni. L’ultimo dei 35 messaggi osservati è un mistero. L’oggetto più leggero in collisione è, infatti, troppo pesante per essere una stella di neutroni, ma troppo leggero per essere un buco nero.

Scopri i segreti della coppia di buchi neri e stelle di neutroni

“Una vasta gamma di proprietà come questa è attraente, Isobel Romero-Shaw, ricercatrice dell’Università di Monash (Australia) Newsletter OzGrav. Caratteristiche come la massa e la rotazione di queste coppie possono dire come si sono formate. – Se gli oggetti si sono formati prima separatamente o se provenivano da una coppia di stelle, per esempio. La diversità delle nostre osservazioni solleva interrogativi interessanti sull’origine di questa coppia di buchi neri e stelle di neutroni.

In particolare la molteplicità dei risultati consente agli scienziati non solo di studiare le caratteristiche individuali delle coppie osservate, ma anche di considerare lo studio di questi fenomeni cosmici come una popolazione ora. Abbastanza per iniziare a capire le tendenze e le caratteristiche globali di questi prodotti radicali. I ricercatori hanno già analizzato le proprietà della distribuzione di massa e della rotazione e stanno cercando di collegare la coppia ai siti di formazione di materiali seri. “Ci sono ancora caratteristiche inspiegabili in queste distribuzioni che aprono alcune interessanti domande di ricerca da esplorare in futuro”., Dice Shanika Calaudage, ricercatrice presso la Monac University.

Gli astronomi ricordano che niente di tutto questo sarebbe stato possibile senza mobilitare la cooperazione internazionale di alto livello e centri di monitoraggio. Collegamento (USA), Vergine (Italia) e Cochrane (Giappone). Senza un miglioramento continuo dei rivelatori, per diversi mesi, la sensibilità degli strumenti aumenta. Un giorno, sperando di catturare le onde gravitazionali create Le stelle sono esplose in una supernova. La quarta sessione di monitoraggio dovrebbe iniziare nell’agosto 2022. Nel frattempo, i ricercatori continueranno a lavorare sui dati già raccolti con l’obiettivo di rilevare nuovi tipi di onde gravitazionali.