Settembre 26, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Sulle orme di una criniera lanosa, 17.000 anni fa

(ats) La loro scoperta, pubblicata giovedì sulla prestigiosa rivista scientifica, potrebbe far luce sulle ipotesi sull’estinzione di questo colossale mammifero i cui denti sono più grandi di un pugno umano.

I ricercatori sono rimasti colpiti dai loro risultati: il mammut istruito ha percorso circa 70.000 chilometri e non è rimasto in pianura come si aspettavano. Sottolineato da Clement Patel, assistente professore all’Università di Ottawa e uno dei principali autori dello studio. “È stato davvero incredibile.”

Per il loro lavoro, i ricercatori hanno selezionato un ordine vissuto alla fine dell’ultima era glaciale. Questo modello è particolarmente interessante perché è così recente da essere prossimo all’estinzione della sua specie circa 13.000 anni fa.

Uno dei due avori è stato tagliato a metà per effettuare misurazioni chiamate “rapporti isotopici di stronzio”. Attualmente nel terreno si diffonde alle piante, queste ultime quando iniettate da un organismo, si depositano su ossa, denti o avorio.

Questi sono in costante crescita. La punta rappresenta i primi anni di vita e la base l’ultimo anno. Poiché i rapporti isotopici variano a seconda della geografia, Clement Patel ha sviluppato una mappa isotopica della regione. Confrontando i dati sull’avorio, è possibile dire esattamente dove si trovava il mammut.

Di solito, l’animale ritorna in certe aree senza fallo, dove rimarrà per molti anni. Ma prima di morire di fame, i suoi movimenti cambiarono notevolmente con la sua età.

“Ciò che è veramente sorprendente è che dopo l’adolescenza, le variazioni isotopiche iniziano a diventare più importanti”, spiega Clement Bottail. Mammoth ha detto: “Tre o quattro volte nella sua vita, ha percorso enormemente 500, 600, 700 chilometri in pochi mesi”.

READ  Boys Stagione 3: i prossimi episodi stuzzicheranno lo spin-off con suggerimenti "sottili"

Per spiegare tali movimenti, gli scienziati hanno due ipotesi: come gli elefanti, questo mammut maschio è stato costretto a riprodursi da solo da un branco all’altro, o, forse, ha affrontato la siccità o un inverno particolarmente rigido. La zona dove il cibo era abbondante.

Alle domande sulla diversità genetica o sulle risorse, Clement Bottell sottolinea che “è chiaro che questa specie ha bisogno di un’area molto ampia per sopravvivere”. Tuttavia, durante la transizione tra l’era glaciale e il ghiacciaio, durante la sua distruzione, “l’area si è ridotta man mano che crescevano più foreste” e “gli umani nell’Alaska meridionale hanno esercitato una pressione molto più forte. Il mammut probabilmente si è mosso molto meno”, spiega.