Settembre 26, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Un enigmatico sistema planetario a 35 anni luce dalla Terra

Mentre un sistema è uno dei più piccoli pianeti rocciosi mai scoperti, gli astronomi sono anche preoccupati per la possibilità che un pianeta dominato dall’oceano e un mondo simile alla Terra formino la zona abitabile della sua stella. Puoi trovare questi bellissimi umani a 35 anni luce dalla Terra.

Al centro di questo intrigante sistema c’è una stella nana rossa chiamata L98-59, nota anche come TOI-175. Due anni fa, un team di astronomi che si è affidato al satellite TESS della NASA ha identificato tre pianeti delle dimensioni della Terra che orbitano l’uno attorno all’altro.

All’epoca, questi tre mondi erano sistemi stellari e un mezzo di trasporto che rilevava minuscole goccioline di luce stellare che testimoniavano colonne successive di uno o più pianeti tra la Terra. Lo svantaggio di questo metodo è che consente solo di determinare la dimensione degli articoli mirati. Tuttavia, se vogliamo sapere di cosa è fatto un pianeta, questo è il minimo di cui hanno bisogno i ricercatori Conoscere la sua massa e raggio. Da lì possono Calcola la sua densità complessiva e stima la sua composizione.

Come parte di un recente studio, un gruppo separato ha tentato di classificare questi pianeti credendo in un altro metodo: la velocità radiale.

Un piccolo pianeta e un mondo marino

Questa tecnica si basa sul moto di una stella causato dalla presenza di pianeti. Nei sistemi planetari, tutti i corpi, le stelle e i pianeti orbitano attorno al centro di massa. Questo è il baricentro del sistema.

Tuttavia, non importa quanto piccoli siano i pianeti, possono influenzare il movimento della loro stella attorno al suo centro di massa e quindi alla sua luce. Esaminando attentamente come cambia il percorso della luce di una stella nel tempo, gli scienziati possono Isolare questa oscillazione e calcolare la massa del pianeta di origine.

READ  Windows 11: tutto ciò che scompare dal sistema operativo

Il lavoro si è concentrato sulle misurazioni della velocità radiale della stella TOI-175 Astronomia e fisica astronomica, Gli astronomi fanno affidamento su Sul più grande telescopio (VLT) in Cile. Questo studio ha confermato l’esistenza delle tre stelle inizialmente scoperte ed è stato in grado di comprenderle bene. Uno di loro Uno dei più piccoli extraterrestri rocciosi mai scoperti. Designato L98-59b, questo materiale è la metà della massa di Venere.

Secondo le analisi, il pianeta e i suoi vicini sembrano avere piccoli centri di ferro nascosti, ciascuno contenente una piccola quantità di acqua in un’atmosfera. Si dice che il terzo pianeta abbia un centro simile, ma fino ad allora sembra che ci sia più acqua Un terzo della sua massa.

Altri due pianeti, di cui uno promettente

Oltre a questi tre mondi, i ricercatori hanno anche sottolineato che esiste un quarto pianeta roccioso Il quinto si sviluppa nella zona giorno della sua strutturaÈ in grado di ricevere più luce e calore dalla sua stella che il sole dalla terra.

Il confronto tra il sistema L98-59 (superiore) con una regione del sistema solare interno (Mercurio, Venere e Terra) illustra la somiglianza tra i due. Crediti: ESO / L.Calada / M. schiacciagranate

Quindi saranno necessari dati più accurati per confermare l’esistenza di questo quinto pianeta, ma se è così, potrebbe essere l’obiettivo Telescopio James Webb. Una volta utilizzato nello spazio, probabilmente entro la fine dell’anno, il laboratorio potrà effettivamente concentrarsi sull’esplorazione della sua atmosfera.