Maggio 24, 2022

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Una volta liquidata come leggendaria, una sinistra onda di 60 piedi si gonfia al largo della Columbia Britannica

Una volta liquidata come leggendaria, una sinistra onda di 60 piedi si gonfia al largo della Columbia Britannica

Una nuova ricerca conferma che un’enorme mareggiata di 58 piedi che si è schiantata nelle acque al largo della Columbia Britannica, in Canada, nel novembre 2020, è stata la più grande onda “malvagia” mai registrata.

Gli scienziati hanno affermato che l’onda del mostro, che ha colpito al largo della costa dell’isola di Vancouver, ha raggiunto un’altezza approssimativamente equivalente a un edificio di quattro piani. Le proprietà dell’onda sono dettagliate in uno studio pubblicato il 2 febbraio a Giornale di rapporti scientifici.

onde anomale Sono rigonfiamenti insolitamente grandi che si verificano in acque libere e crescono fino a più del doppio dell’altezza delle altre onde nelle loro vicinanze. Questi eventi imprevedibili e talvolta apparentemente casuali sono conosciuti come onde “strane” o “assassini” e poco si sa su come si formano.

In proporzione alle onde circostanti, l’evento del 2020 è stata “probabilmente l’onda anomala più grave mai registrata”, ha affermato Johannes Gemrich, ricercatore presso l’Università di Victoria e autore principale dello studio.

“Solo alcune onde anomale nei paesi d’alto mare sono state osservate direttamente, e nessuna di questa portata”, ha detto Ha detto in una dichiarazione. “La probabilità che un tale evento si verifichi una volta ogni 1.300 anni.”

Una simulazione video di una boa e di un ormeggio dei Marine Labs nel periodo di un'onda anomala da record è stata registrata al largo di Ucluelet, nella Columbia Britannica.  (Per gentile concessione di MarineLabs Data Systems)

Una simulazione video di una boa e di un ormeggio dei Marine Labs nel periodo di un’onda anomala da record è stata registrata al largo di Ucluelet, nella Columbia Britannica. (Per gentile concessione di MarineLabs Data Systems)

L’enorme rigonfiamento è stato catturato da sensori su una boa situata a poco più di 4 miglia da Ucluelet, sulla costa occidentale dell’isola di Vancouver.

Per secoli, le onde anomale sono state considerate leggende nautiche, liquidate come resoconti esagerati inventati dai marinai in alto mare. Tuttavia, negli ultimi decenni gli scienziati sono stati in grado di confermare l’esistenza delle onde anomale, sebbene siano ancora difficili da osservare e misurare.

READ  Una massiccia esplosione solare catturata da un'astronave a energia solare

La prima onda malvagia registrata si è verificata al largo delle coste della Norvegia nel 1995. L’evento, noto come “onda di Draubner”, ha raggiunto un’altezza di quasi 84 piedi, il doppio delle onde che lo circondano. Sebbene l’onda anomala del 1995 fosse generalmente più lunga dell’onda misurata da Ucluelet, l’evento da record del 2020 è stato quasi tre volte più grande delle altre onde intorno, hanno detto i ricercatori.

Lo studio delle onde anomale può aiutare gli scienziati a comprendere meglio le forze dietro di loro e i loro potenziali impatti, ha affermato Scott Petty, CEO di MarineLabs, una società di ricerca che gestisce una rete di sensori marini e boe in tutto il Nord America. .

“L’imprevedibilità delle onde anomale e l’assoluta potenza di questi ‘muri d’acqua’ possono renderli incredibilmente pericolosi per le operazioni navali e per il pubblico”, ha affermato in una nota.

Petty ha aggiunto che la capacità di tracciare e analizzare questi eventi insoliti migliorerebbe la sicurezza marittima e aiuterebbe a proteggere le comunità costiere.

“La prevedibilità delle onde anomale rimane una questione aperta, ma i nostri dati aiutano a capire quando, dove e come si formano le onde anomale e i rischi che comportano”, ha affermato.