Dicembre 5, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Uno studio afferma che fino al 98% dei bellissimi colori della Grande Barriera Corallina sono “sbiancati”

Uno studio pubblicato giovedì ha rilevato che il 98% della Grande Barriera Corallina australiana è stato colpito dallo sbiancamento dal 1998, preservando solo una piccola parte delle più grandi barriere coralline del mondo.

Secondo un articolo dell’attuale numero di Biology, solo il 2% di questo enorme ecosistema sottomarino è sopravvissuto all’evento dal primo grande episodio di sbiancamento nel 1998, l’anno più caldo della storia. Questo record è stato ripetutamente battuto.

Terry Hughes, autore principale del Centro speciale per la ricerca sui coralli dell’Australian Research Council presso la James Cook University, afferma che la frequenza, l’intensità e l’entità delle ondate di calore oceaniche che causano questo intonaco sono in costante aumento.

Cinque episodi di Giant Bleaching dal 1998 hanno trasformato la Grande Barriera Corallina in una scacchiera di rocce con storie recenti molto diverse, con il 2% dei reef completamente sfuggiti allo sbiancamento e almeno l’80% allo sbiancamento almeno una volta dal 2016.“, ha annunciato.

Lo sbiancamento è un evento inutile che provoca scolorimento. Questo fa sì che la temperatura dell’acqua aumenti, il che fa sì che il corallo espelle le alghe che danno al corallo il suo colore e le sue sostanze nutritive.

La Grande Barriera, patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1981, ha sbiancato tre capitoli senza precedenti durante le ondate di calore del 2016, 2017 e 2020.

Ho bisogno di tempo per recuperare

Il potenziale a lungo termine per questo ecosistema lungo 2.300 km “, hanno concluso i ricercatori a luglio, quando i coralli hanno mostrato segni di ripresa dall’ultimo sbiancamento.Peccato“.

Le barriere coralline sono minacciate dagli uragani e dall’aumento delle stelle marine che mangiano coralli a causa dei frequenti cambiamenti climatici e dell’agglomerato viola, dell’inquinamento e del flusso agricolo.

READ  La NASA sta per attaccare un asteroide!

La ricerca pubblicata giovedì mostra che i coralli che sono già stati sottoposti a ondate di calore sono soggetti a stress termico, ma Sean Connolly, coautore dello Smithsonian Tropical Research Institute, avverte che i coralli bianchi frequenti e alti riducono l’elasticità.

Il corallo ha bisogno di più tempo per riprendersi prima di un altro ciclo di stress termico, quindi si disperderà, si depositerà e formerà dei bambini ricoprendo le zone deformate delle rocce“, insiste.

Le misure per rallentare il cambiamento climatico sono importanti“.

Lo studio, pubblicato al Summit delle Nazioni Unite sul clima COP26 a Glasgow, in Scozia e in Australia, uno dei principali esportatori di energia fossile, promette di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050.