L’ultima anteprima di Visual Studio permette la compilazione delle app ARM64

Gli sviluppatori possono ora ricompilare le loro app UWP e Win32 in modo che possano essere eseguite come app native anche su architettura ARM64.

Durante il Build 2018, Microsoft ha annunciato che l’ultima anteprima del software Visual Studio permette di creare app ARM64. Un app compilata anche per la piattaforma ARM64, ne permette l’esecuzione come app nativa sui PC sempre connessi (always connected PC) con Windows 10 on ARM.

A partire dalla versione 15.8 Preview 1 di Visual studio, i developers potranno anche ricompilare le loro app UWP o Win32, per supportare anche la piattaforma ARM a 64 bit. Il bello è che non dovranno praticamente cambiare nulla nel codice delle loro applicazioni!

Gli sviluppatori interessati a far eseguire in modo nativo le proprie app sulla piattaforma ARM, possono già usare questi strumenti in anteprima. Le app verrano così eseguite nativamente, invece che essere eseguite sul livello di emulazione. L’esecuzione nativa della vostra app, permetterà agli utenti di ottimizzare al massimo le prestazioni e le capacità del dispositivo.

Windows 10 on ARM, infatti, può già eseguire tutte le app Win32 grazie all’emulazione x86/x64. Tuttavia la ricompilazione per supportare ARM64, consentirà l’esecuzione dell’app in modo nativo con guadagno di prestazioni.

Se sei uno sviluppatore, ti ricordiamo che sono strumenti ancora in fase di perfezionamento (sono in anteprima). Non potrete ancora inviare i pacchetti ARM64 allo Store, perché Visual Studio non supporta ancora ufficialmente queste tecnologie ancora primordiali.

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella