Settembre 26, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Xiaomi blocca i suoi smartphone importati in paesi che non vendono

Se acquisti un telefono Xiaomi che non è nel tuo mercato, potresti non essere in grado di attivarlo.

Acquisto locale o importazione? Se la velocità di esportazione o il gran numero di acquirenti che vogliono la protezione offerta dall’acquisto locale non è in discussione, sempre più tecnici si rivolgono all’importazione. Prezzi molto interessanti, i modelli non sono disponibili nel paese … ci sono molte ragioni. Nella maggior parte dei casi, i telefoni funzioneranno bene purché supportino le bande dei gestori locali.

Per i produttori, invece, non è sempre così facile. Quando un dispositivo non è commercializzato in un paese, potrebbe essere perché non ci sono canali locali, ma a causa di leggi diverse. In altri casi, Preferenze politiche Potrebbe essere dovuto. Quindi, se l’importazione è interessante per il consumatore, a volte sarà troppo bassa per il produttore.

Posto sbagliato? Nessun telefono

Questo telefono è stato bloccato perché attivato a Cuba. D Reddit – u / yn4v4s

Di recente, Xiaomi ha deciso di interrompere l’implementazione di nuovi telefoni situati in paesi al di fuori della sua area di distribuzione e di stabilirsi automaticamente. Molte reazioni Visibile quindi su Reddit, Twitter o altri social network.

Quando il dispositivo rileva che è stata inserita una scheda SIM da un’area diversa da quella prevista, lo smartphone si rifiuta di connettersi alla rete cellulare, visualizzando un messaggio con le informazioni sulla disconnessione e il blocco dell’accesso al computer. L’unico modo rimasto è la possibilità di effettuare chiamate di emergenza.

Molti paesi sono stati colpiti

I paesi colpiti includono Cuba, Iran, Siria, Corea del Nord, Sudan e Crimea. Aree in cui Siomi non è un’azienda ed è soggetta a sanzioni statunitensi. In questi paesi, l’unico modo per ottenere un telefono Xiaomi è tramite un rivenditore non ufficiale, che importa il prodotto e lo commercializza nonostante un divieto formale delle licenze utente.

READ  Buon affare iPhone XR: approfitta del suo calo del 31%

Situazioni simili sono state segnalate in Spagna, Messico e Venezuela, dove Siomi non ha distributori ufficiali.

Dovremo aspettare e vedere se questi ultimi blocchi sono definitivi e se verranno estesi ad altri paesi.

Un problema risolvibile

Alcuni utenti hanno già notato che ci sono modi per aggirare questo modulo. Pertanto, se lo smartphone è implementato nel paese in cui è destinato, non dovrebbe essere bloccato. Altri utenti segnalano che le ROM personalizzate che rimuovono completamente i blocchi regionali non sono interessate da questo problema. In pratica, la maggior parte degli utenti preferirebbe acquistare un altro smartphone, piuttosto che svolgere operazioni lunghe e delicate o rischiare di ritrovarsi con un mattone in mano.