Luglio 1, 2022

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

YouTube vieta a RT e ad altri canali russi di guadagnare dollari pubblicitari

YouTube vieta a RT e ad altri canali russi di guadagnare dollari pubblicitari

L’app YouTube su uno smartphone è mostrata in questa illustrazione scattata il 13 luglio 2021. REUTERS / Dado Ruvic / Illustrazione

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

26 febbraio (Reuters) – YouTube sabato ha vietato a RT di proprietà statale russa e ad altri canali russi di ricevere pagamenti per gli annunci mostrati con i loro video, in modo simile alla mossa di Facebook dopo l’invasione dell’Ucraina.

Riferendosi a “circostanze eccezionali”, YouTube ha affermato che stava “sospendendo temporaneamente la capacità di monetizzazione di una serie di canali su YouTube, inclusi diversi canali russi collegati a recenti sanzioni” come i canali dell’UE. Il posizionamento degli annunci è in gran parte controllato da YouTube.

Mercoledì, l’Unione Europea ha annunciato sanzioni contro individui tra cui Margarita Simonyan, che ha descritto come il caporedattore di RT e una “figura centrale” nella propaganda russa.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il portavoce di YouTube Farshad Shadlow ha affermato che anche i video dei canali interessati appariranno meno nei consigli. Ha aggiunto che RT e molti altri canali non saranno più disponibili in Ucraina a causa della richiesta del governo ucraino.

Sabato il ministro ucraino per la trasformazione digitale Mykhailo Fedorov ha twittato di aver contattato YouTube “per bloccare i canali di propaganda russi, come Russia 24, TASS e RIA Novosti”.

RT e Simonyan non hanno risposto alle richieste di commento. YouTube ha rifiutato di nominare gli altri canali che aveva bloccato.

Per anni, i legislatori e alcuni utenti hanno chiamato YouTube, che è di proprietà di Alphabet Inc (GOOGL.O) Google, di intraprendere maggiori azioni contro i canali che hanno legami con il governo russo per timore che diffondano disinformazione e non dovrebbero trarne vantaggio.

READ  Erdogan esorta Putin a dichiarare un cessate il fuoco in Ucraina e portare la pace

Il ricercatore digitale Omelas ha detto a Reuters all’epoca che la Russia ha ricevuto tra i 7 milioni ei 32 milioni di dollari in due anni terminati a dicembre 2018 dagli annunci sui 26 canali YouTube che supporta.

YouTube in precedenza ha affermato di non trattare i canali multimediali finanziati dallo stato che rispettano le sue regole in modo diverso rispetto ad altri canali quando si tratta di compartecipazione alle entrate pubblicitarie.

Società di Meta Piattaforme (FB.O)Facebook, il proprietario di Facebook, venerdì ha vietato ai media statali russi di pubblicare annunci o guadagnare entrate pubblicitarie sui suoi servizi in qualsiasi parte del mondo. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo riferisce Parrish Dave. Montaggio di Leslie Adler e Cynthia Osterman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.